L’economia seduta sulla panchina dei giardinetti

Due anziani discutono su una panchina

Forse la ripartenza è già iniziata

I due pensionati, due amici di quartiere, quando i bar non erano frequentabili per le restrizioni del covid, avevano ripreso, anche d’ inverno, quell’abitudine estiva di passare un’oretta della loro giornata sulle panchine dei giardinetti… sole permettendo. In passato il Calcio era al primo posto di ogni conversazione. Di questi tempi, invece, c’è ben altro su cui ragionare. Il vaccino tu lo fai subito o pensi di aspettare, per vedere come vanno le cose? Per Natale, ce la fanno i tuoi figli a venire a pranzo da te? Non ho ancora capito se la gente, sotto le feste, spende o tira a risparmiare… E via di questo passo, il tutto avvolto da una vena più malinconica che pessimista: come se questo periodo dovesse prolungarsi oltre le incerte previsioni, perdendo logicamente pian piano di intensità, ma trascinandosi però per qualche mese in più.

Se ne stanno lì sulle panchine, senza lasciarsi sfuggire quello che accade attorno; attenti a valutare l’andamento dei negozi di vicinato (così si chiamano adesso), quasi fosse un termometro utile a misurare l’intera economia nazionale: se una bottega abbassa le serrande per sempre o, come è successo l’altro giorno, un locale rimasto sfitto per mesi e mesi riapre i battenti; non solo, ma a riaprilo non sono i soliti parrucchieri cinesi ma due volonterose ragazze italiane! I due pensionati all’unisono hanno espresso la loro soddisfazione senza neppure parlarne più di tanto. Poi, quasi per associazione d’idee, per rimanere a quello che sarà l’economia del domani, uno racconta all’altro:

“La scorsa domenica ero a pranzo da mia figlia quando, tutti intenti a parlare della scuola dei nipoti e a gustare le immancabili lasagne, suona il campanello di casa. Erano esattamente le 13 e 30. Chi poteva essere a quell’ora della domenica? E sai chi era? Era Amazon!  Un corriere di Amazon che era venuto a consegnare un attrezzo per il giardinaggio ordinato da mia figlia il giorno prima! Ordinato di sabato e consegnato la domenica dopo!”

Una piccola pausa, poi il pensionato riprende a parlare, interrogando l’amico:

“Hai capito? Sembrava come se qualcuno fosse arrivato a darci la sveglia…”

 

Giuliano Ghirardelli